NASCE CONFIMI UMBRIA DIGITALE

Prosegue il lavoro di rinnovamento di Confimi Industria Umbria, l’associazione che rappresenta le micro, piccole e medie imprese della nostra Regione. Le imprese associate del settore ICT si sono riunite in assemblea per dare vita a Confimi Umbria Digitale. Obiettivo di questa categoria, che aderisce a livello nazionale a Confimi Industria Digitale, è dare voce a tutte le imprese associate che lavorano nell’Innovation & Communication Technology.

Confimi Industria Digitale è l’Associazione Nazionale della Piccola e Media Industria operante nei settori dell’Informatica, della Comunicazione Digitale, della Telematica e dei Servizi Digitali aderenti a Confimi Industria e rappresenta circa 620 aziende e 8.000 addetti.

Per i prossimi tre anni a guidare Confimi Umbria Digitale sarà Daniele Perini, imprenditore perugino che opera all’interno di un’azienda leader nel settore dell’informatica per il commercio, nominato dall’Assemblea della categoria che si è riunita oggi presso la sede sociale di Confimi Industria Umbria.

Il Presidente di Confimi Industria Umbria Nicola Angelini afferma: “Abbiamo ricevuto con entusiasmo la candidatura di Daniele Perini e siamo molto contenti che sia stata accolta all’unanimità. Siamo certi che riuscirà in Confimi Umbria Digitale a portare esperienza, visione e innovazione”.

“L’Italia è il primo paese manifatturiero al mondo per qualità”, sottolinea Domenico Galia Presidente di Confimi Industria Digitale, presente ai lavori dell’assemblea – “e il conseguimento di questo prestigioso riconoscimento, è merito del costante impegno e creatività delle nostre PMI manifatturiere, che costituisco la spina dorsale del nostro Sistema Paese, abbinato all’importante contributo in innovazione apportato dalle imprese del settore digitale.

Il PNRR è un’occasione unica per far evolvere la manifattura tradizionale verso la Manifattura Circolare, e le imprese del settore digitale dovranno continuare a svolgere il loro ruolo strategico per supportare l’attuazione di questo processo, in quanto la Transizione Ecologica non è possibile senza la Transizione Digitale.

Le recenti Generazioni e soprattutto quelle future” – prosegue Galia – “saranno sempre più attente all’acquisto e al consumo di beni e servizi prodotti da aziende rispettose dell’ambiente, quindi tale processo evolutivo, che impatterà sui modelli produttivi, sarà indispensabile per le imprese che vorranno mantenere e ampliare le proprie quote di mercato e continuare ad avere un vantaggio competitivo a livello globale.

“Per le imprese del settore – afferma Daniele Perini neo Presidente di Confimi Umbria Digitale ringraziando per la fiducia che gli è stata accordata – si tratta di un traguardo importante poiché con la nascita della categoria avremo l’opportunità di confrontarsi e interloquire con tutti i livelli istituzionali”. Inoltre – continua Perini – Confimi Umbria Digitale, consapevole del proprio ruolo strategico e trasversale nei confronti di tutte le altre Categorie, si pone l’obiettivo di favorire il passaggio del Sistema Paese ad un’economia dinamica e digitale basata sulla conoscenza, per contribuire a rendere il sistema produttivo italiano, in particolare quello manifatturiero, in grado di competere nella difficile sfida imposta dalla globalizzazione e dalla quarta rivoluzione industriale definita dal paradigma 4.0. Si tratta di un traguardo che segna un’evoluzione importante per la nostra associazione e rappresenta un vantaggio per tutto il distretto ICTregionale.”

“Gli imprenditori che vorranno farne parte– conclude il Direttore Generale Roberta Gaggioli – all’interno della nostra associazione avranno la possibilità di confrontarsi e l’opportunità di beneficiare dell’esperienza e del bagaglio di informazioni che tutto il Consiglio Direttivo di Confimi Umbria Digitale cercherà di trasferire insieme al supporto della nostra struttura”.

A supporto del neo Presidente Daniele Perini (H.Pierre) sono stati nominati all’interno del Consiglio Direttivo: Monia Filippetti (Philipadv), Cristiano Fino (Heliopolis), Carlos Eduardo Bellini (Carmat), Mauro Marchi (Umbra Control), Marcello Pirani (Asterisco Pubblicità), Matteo Vicarelli (Creativityecom).

Quanto vale il tuo lavoro?

Quanto vale il tuo lavoro?

Quanto vale il tuo lavoro? Perché, a volte, è così difficile far percepire al cliente il valore di ciò che stai facendo per lui?

Queste domande, solo all’apparenza semplici, nascondono, in realtà, un sacco di insidie e meritano delle risposte piuttosto articolate. Iniziamo col dire che si tratta di interrogativi che molto spesso i professionisti nemmeno si pongono o quando lo fanno si danno delle risposte quantomeno singolari ed estremamente soggettive. Continue Reading

DA ASTRAZENECA A VAXZEVRIA: UNA QUESTIONE DI REBRANDING?

AstraZeneca

Negli ultimi mesi, scommetto che tutti avranno sentito o pronunciato almeno una volta questa parola: AstraZeneca.

In un primo momento, infatti, il vaccino anglo-svedese (se vi interessa un’altra vicenda sui vaccini, potete leggere l’articolo sulla Stanza degli abbracci) è stato interessato dalla ben nota polemica relativa ad alcuni effetti indesiderati non dichiarati, controversia così accesa da averne quasi stoppato la circolazione per un breve periodo. Continue Reading

LA MUSICA RESTA A CASA

la musica resta a casa

Da qualche tempo a questa parte stiamo vivendo una vera e propria esistenza in digitale e, come visto nei casi del food delivery e della moda, anche il settore della musica ha fatto in modo di rendere qualsiasi concerto a misura di salotto!

TRA DIVANI E CONCERTI

Couch Tour: “A couch tour is when you and a group of friends watch, or stream, a live concert from the comfort of your home on the couch. This generally applies for Jam Bands like Phish, The Grateful Dead, Dead and Company, Disco Biscuits, Lotus etc.”

Continue Reading

SANREMO 2021: la sfida è social

Dopo ben 71 edizioni, potrebbero mai esserci dubbi sul Festival di Sanremo? La risposta è sì: ogni anno si sollevano un’infinità di polemiche ma il risultato è sempre lo stesso.

In un periodo incredibilmente anomalo come quello in corso, Sanremo ha rappresentato ancora una volta una vera e propria dimensione a sé stante, un luogo magnetico capace di “paralizzare” l’Italia e di far convergere l’attenzione e qualsiasi tipo di dibattito in un unico punto focale (Sanremo, appunto). Continue Reading