Orizzonte marketing

Come realizzare un podcast

By 15 Aprile 2021 No Comments
Come realizzare un podcast

Podcast è senz’altro una delle parole del momento e così, facendo tesoro di ciò che ho imparato in oltre tre anni di avventura nel mondo del podcasting, ho deciso di scrivere questa guida introduttiva per chiunque fosse interessato a muovere i primi passi nel mondo dello streaming audio.

Fra poco ci addentreremo negli aspetti più tecnici e in un certo senso più divertenti, ma partiamo proprio dalle basi: il format.

Interviste, talk show, sceneggiati, monologhi: i format del podcast

Eh già, non si può mica fare “3, 2, 1, …in onda” così su due piedi. O meglio, potresti anche, ma non è la strada giusta per costruire un progetto duraturo e di successo. Infatti, la prima cosa da fare non è indossare le cuffie ed accendere il microfono, ma prestare attenzione al format del tuo show. Quali sono le principali categorie? Quali caratteristiche deve avere uno show per ottenere buoni ascolti?

Esistono varie tipologie di podcast, di seguito un elenco dei più diffusi:

  • Interviste
  • Talk Show
  • Sceneggiati/Narrazioni
  • Monologhi

Naturalmente ce ne sono tante altre, a te il compito di scegliere quale ti si addice di più. Se sei un tipo che ama interagire con gli altri, in grado di destreggiarsi nelle improvvisazioni e di sostenere un’alternanza di ritmi, allora un talk show può certamente fare al caso tuo. Se invece sei un grande appassionato di un particolare argomento del quale conosci ogni minimo dettaglio, allora un podcast incentrato su di te che racconti, in un monologo serrato, ciò che ami cercando di far innamorare gli altri della tua materia, è decisamente più nelle tue corde.

Un altro elemento fondamentale è la scaletta. Alcuni podcaster preferiscono scrivere l’intera puntata e poi leggere, altri – io faccio parte di questa seconda schiera – preferiscono andare a braccio, improvvisando. Il mio consiglio è quello di investire un po’ di tempo per appuntarti al pc o su di un semplice quaderno ciò di cui parlerai durante il podcast, almeno a grandi linee e soprattutto all’inizio.

Ora che il piano è ben delineato, ciò di cui hai bisogno è un hosting.

Hosting per podcast

Presta molta attenzione alla scelta che farai. Infatti, l’hosting è lo spazio che ospiterà i file audio delle tue puntate e che ti permetterà di condividerle sulle principali piattaforme di audio streaming.

Ciò di cui devi tener conto sono aspetti quali il prezzo, l’affidabilità,  la facilità d’uso, lo spazio d’archiviazione, e l’integrabilità con altre app e software. Io utilizzo Spreaker, per il rapporto qualità prezzo (presenta piani a partire da 7 € al mese), ma ce ne sono molti altri come ad esempio Buzzsprout, Podbean, Anchor e Transistor.

Registrazione ed editing

Se appartieni all’universo Apple, il miglior software sul quale contare è sicuramente GarageBand, il quale rappresenta uno strumento completo, ricco di effetti e numerose opzioni da utilizzare in post produzione. Se, diversamente, lavori con un PC,  fra gli strumenti a tua disposizione c’è Audition (che fa parte dell’Adobe Creative Cloud), strumento avanzato che offre ampie possibilità di editing, come ad esempio una serie di capacità di riduzione del rumore, compressione ed equalizzazione avanzate e molto altro ancora. Un’alternativa forte e completamente gratuita si chiama Audacity, strumento dalle ottime potenzialità, anche se con un’interfaccia non esattamente intuitiva. Alcune delle feature incluse sono Sync-Lock, silence, EQ salvabile, dissolvenza, importazione, esportazione e un’ampia gamma di effetti.

Cuffie e microfono

Infine, cuffie e microfono rappresentano gli strumenti con i quali catturare tutte le sfumature della tua voce. Anche in questo caso, c’è l’imbarazzo della scelta. Se stai leggendo questo post, probabilmente sei alle prime armi, perciò ti suggerisco di procedere per gradi, senza dotarti fin dall’inizio del top di gamma di ogni cosa. Con una spesa inferiore a 100 € è possibile entrare in possesso di buona strumentazione con un’ottima qualità di registrazione del suono. Scegli un microfono USB cardioide a condensatore. Indispensabili sono un filtro antipop e un braccio/treppiedi in grado di sorreggere comodamente il microfono.

Ora non ti resta che premere REC ed iniziare la tua nuova avventura nel mondo dei podcast.

Per qualsiasi domanda o voglia di approfondire qualunque aspetto del podcasting, contattami! A presto.

Carlos Bellini

Author Carlos Bellini

Social Media Strategist. Elaboro strategie di comunicazione per aziende ed eventi. Ho un animo creativo e che mi porta alla ricerca di sfide sempre nuove. Conduco Buzzword, podcast a tema marketing e comunicazione.

More posts by Carlos Bellini

Leave a Reply